Alpe Bettelmatt in alta val Formazza (giugno 2009)

Alpe Bettelmat

26 giugno 2009

Guarda i video in coda all’articolo

 

 

Piantina Bettelmat

Ritorno in alta val Formazza, con l’intenzione di salire all’alpe Bettelmat. In auto abbiamo raggiunto il lago di Morasco, da dove poco dopo ci siamo incamminati lungo lo sterrato per salire all’alpe Bettelmat. Mattinata splendida e calda durante il viaggio, mentre in alta Formazza abbiamo trovato un cielo semicoperto, vento freddo e temperatura di soli 11 gradi. Grandi nevai ricoprono ancora i pascoli, al culmine della fioritura, e il canalone che sale al rifugio Mores: lassù praticamente è ancora inverno, con tanta neve. Al rifugio 3 A si scia ancora sul ghiacciaio del Siedel. Per fortuna il cielo pian piano si è aperto ed è ritornato il sole, pur con varie nuvolaglie.

 

 

Marmotta in alpe Bettelmat

Ovunque decine di marmotte che correvano nei prati o si godevano il tepore del sole. Quando ormai eravamo quasi alla cascatella prima della piana di Bettelmat siamo stati costretti a fermarci, perché i ripidi nevai che ci sbarravano la strada erano troppo pericolosi da attraversare senza ramponi e piccozza. Ci siamo fermati allora qui, dove abbiamo mangiato al sacco, tra fiori e marmotte. In un canalone sopra di noi abbiamo poi avvistato anche due stambecchi, che abbiamo ammirato a lungo, riprendendoli anche con la videocamera. Dopo un breve spuntino, visto che il tempo tornava a peggiorare, abbiamo iniziato la discesa, giungendo alla nostra auto appena in tempo per sentire un primo tuono verso il rifugio Mores.

 

 

Informazioni utili

Reti cellulari: Vodafone, Tim;

Punti di appoggio: Rifugio Bim See alla partenza (sempre aperto)

Soccorso alpino Formazza; soccorso alpino Guardia di Finanza (SAGF) di Domodossola: tel. 112

 

Guarda i video:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.