Gli smeraldi del pizzo Marcio in val Vigezzo

Smeraldi

L’Ossola è famosa anche per la grande varietà di minerali e cristalli che si rinvengono sulle sue montagne. In particolare in val Vigezzo sono stati trovati numerosi cristalli di Berillo, varietà Smeraldo, in un filone di albitite sotto la vetta del pizzo Marcio, sul versante nord-ovest, a circa 1900 metri di quota.

In una delle mie salite a questa cima ho avuto modo anch’io di trovarne qualcuno, come si può vedere nelle fotografie in questo articolo.

Piantina pizzo Marcio

 

La base di partenza per raggiungere il luogo dei ritrovamenti è l’alpe Miucca, posta a circa 1400 metri di quota sullo stesso versante del pizzo Marcio. Questo alpeggio, ormai abbandonato e nascosto in mezzo al bosco, si può raggiungere con due itinerari di salita.

 

Il primo, forse più diretto ma che sconsiglio perchè faticoso e monotono, tutto nel folto del bosco, parte dalla strada statale della val Vigezzo all’altezza della trattoria della Bettola, poco prima dell’abitato di Gagnone. Qui si lascia l’auto e si segue la stradina che scende al torrente e risale sul versante opposto fino alla piccola stazione di Coimo della ferrovia vigezzina; da qui l’ennesima pista agro-silvo-pastorale si inerpica ripidissima fino alla sommità dell’alpe Dalovio, da dove parte il sentiero che sale nel fitto del bosco fino all’alpe Miucca.

Alpe Campra

 

Il secondo itinerario, quello classico e più suggestivo, parte invece dal piccolo villaggio di Orcesco, da dove una bella mulattiera porta in poco più di un’ora, attraverso uno splendido bosco di faggi, ai 1300 metri dell’alpe Campra, piccolo gioiello incastonato sotto la parete nord del pizzo Ragno.

 

Qui si attraversa tutta l’alpe, oltrepassando la piccola cappella; tenendosi sulla destra si costeggia la storica recinzione dell’alpeggio costituita da lastroni di pietra conficcati nel terreno e dietro le ultime baite si imbocca il sentiero che scende sulla destra in valle Antoliva. In pochi minuti si raggiunge il torrentello che percorre la vallata e si inizia a risalire il ripido versante opposto, proprio sotto la vetta del pizzo Marcio, lungo una traccia di sentiero, spesso invaso da cespugli, che rendono questa parte della camminata piuttosto faticosa.

 

Dopo una mezzora di salita ed imprecazioni si incontra il sentiero quasi pianeggiante che sale dall’alpe Miucca all’alpe Fornale, alla nostra sinistra, nella selvaggia conca sotto la parete nord del Tògano. Si percorre così sulla destra questo sentiero che in meno di mezzora ci porta all’alpe Miucca. Da qui si prosegue orizzontalmente per un breve tratto in direzione dell’alpe Roi, deviando poi su un’altra traccia di sentiero che si stacca a sinistra e che immette poco oltre in un ampio vallone prativo che scende dal pizzo Marcio.

Smeraldi

 

Si risale questo vallone per raggiungere in breve la pietraia sotto la cima, dove campeggia un enorme masso bianco di albite, precipitato dal filone sembra a seguito delle esplosioni che alcuni ricercatori hanno scelleratamente provocato con la dinamite. Già in questo enorme masso si possono rinvenire cristalli di smeraldo, ma il filone si trova poco sopra, in corrispondenza di un’evidente cavità nella roccia, simile all’imbocco di una grotta.

 

Smeraldi del pizzo Marcio

 

 

Per chi non si accontenta degli smeraldi, c’è la vetta del pizzo Marcio da raggiungere, ma richiede ancora un bel po’ di fatica, perchè bisogna risalire tutta la pietraia sovrastante per giungere sul crinale che scende dalla cima.

 

 

Informazioni utili

Reti cellulari: Vodafone, Tim

Soccorso alpino val Vigezzo; soccorso alpino Guardia di Finanza (SAGF) di Domodossola: tel. 112

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

INFORMATIVA COOKIES

A cosa servono i cookie?
I Cookie sono costituiti da porzioni di codice installate all'interno del browser che assistono il Titolare nell’erogazione del servizio in base alle finalità descritte.
Alcune delle finalità di installazione dei Cookie potrebbero, inoltre, necessitare del consenso dell'Utente.

Altre tipologie di cookie o strumenti terzi che potrebbero farne utilizzo
Alcuni dei servizi elencati di seguito raccolgono statistiche in forma aggregata e potrebbero non richiedere il consenso dell'Utente o potrebbero essere gestiti direttamente dal titolare – a seconda di quanto descritto – senza l'ausilio di terzi.

Come posso gestire i cookie all'interno del mio browser?
In aggiunta a quanto indicato in questo documento, l'Utente può gestire le preferenze relative ai Cookie direttamente all'interno del proprio browser ed impedire – ad esempio – che terze parti possano installarne. Tramite le preferenze del browser è inoltre possibile eliminare i Cookie installati in passato, incluso il Cookie in cui venga eventualmente salvato il consenso all'installazione di Cookie da parte di questo sito. È importante notare che disabilitando tutti i Cookie, il funzionamento di questo sito potrebbe essere compromesso. Puoi trovare informazioni su come gestire i Cookie nel tuo browser ai seguenti indirizzi: Google Chrome, Mozilla Firefox, Apple Safari and Microsoft Windows Explorer.

Chiudi